Proteste in Italia con l’entrata in vigore del coprifuoco del coronavirus

Proteste in Italia con l’entrata in vigore del coprifuoco del coronavirus post thumbnail image

I proprietari dei ristoranti di Roma hanno abbassato le imposte il venerdì sera poco prima delle 21, quando la polizia ha chiuso quattro piazze note per la loro vivace vita notturna.

Molti dei ristoranti avevano cartelli con sopra delle croci, che dichiaravano la loro attività morta a causa delle nuove severe misure governative imposte in seguito all’aumento delle infezioni da COVID-19 in Italia.

I nuovi casi nel Paese sono saliti a più di 19.000 il venerdì, più che nelle prime settimane della pandemia della scorsa primavera, quando il governo ha ordinato l’isolamento.

Venerdì un centinaio di scienziati e ricercatori italiani hanno chiesto al presidente e al primo ministro di adottare misure più severe per frenare la diffusione del coronavirus.

Il premier Giuseppe Conte ha lasciato ai governatori regionali, in questa seconda ondata di infezioni, il compito di ordinare restrizioni come il coprifuoco notturno anche in luoghi come Roma, Milano e Napoli.

A Roma, il governo locale ha ordinato il coprifuoco a mezzanotte, la chiusura delle piazze popolari alle 21 e il divieto di bere in piedi.

I funzionari hanno messo in guardia contro multe fino a 1.000 euro per inosservanza delle regole.

A partire da venerdì, oltre 37.000 persone sono morte in Italia a causa di COVID-19.

Venerdì sera, i manifestanti, arrabbiati per le nuove restrizioni del coronavirus, si sono scontrati con la polizia nella città italiana di Napoli.

Arrabbiati per il coprifuoco regionale e per il voto del governatore locale di mettere la regione sotto chiave per cercare di domare le infezioni da COVID-19, i manifestanti hanno lanciato sassi e gli agenti di polizia hanno risposto con gas lacrimogeni.

Secondo i media locali, i manifestanti erano diverse centinaia.

Si sono diretti verso il quartier generale della regione Campania, vicino al lungomare mediterraneo della città del Sud Italia.

La disoccupazione al sud è doppia o addirittura superiore a quella del nord.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Post